Terza stella del rating di legalità

Terza stella del rating di legalità

Siamo orgogliosi di comunicarvi che Panichi ha ottenuta la terza stella del rating di legalità!
Siamo la nona azienda in tutta la Regione ad aver ottenuto questo importante riconoscimento dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che rappresenta il punteggio massimo attribuibile alle aziende che rispettino elevati standard di legalità.

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Oggi, 25 novembre, è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e noi di Panichi condividiamo e partecipiamo con forza a questa fondamentale iniziativa.
Perchè è ora di dire basta una volta per tutte a qualsiasi forma di violenza – fisica, psicologica, verbale e morale – che ancora oggi troppe donne subiscono dentro e fuori dalle mura domestiche. Sì, perchè la violenza non vive solo tra le quattro mura di casa, dove si nasconde ed è più difficile da scovare, ma si insinua anche nei luoghi di lavoro, dove ancora si parla di disparità di genere e discriminazione.
Abbiamo deciso per questo di posizionare una panchina rossa presso i Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele ad Ascoli, per contribuire alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica su un tema tanto importante e delicato.
Ringraziamo anche la carrozzeria Funari per l’omaggio della verniciatura!

Ambiente e sicurezza sul lavoro

Ambiente e sicurezza sul lavoro

Un pomeriggio di importanti riunioni in Panichi, sia tra gli operai, che tra i capi commessa: temi del giorno sono stati l’ambiente, e in particolare la gestione documentale dei rifiuti in cantiere, e la sicurezza sul lavoro, entrambi argomenti fondamentali, soprattutto in questo periodo!

Ascoli, Fine dei lavori di riqualificazione ad opera della Ditta Panichi dei Giardini Pubblici di corso Vittorio Emanuele

Ascoli, Fine dei lavori di riqualificazione ad opera della Ditta Panichi dei Giardini Pubblici di corso Vittorio Emanuele

Fine dei lavori di riqualificazione e presentazione della nuova brochure ad opera della Ditta Panichi dei Giardini Pubblici di corso Vittorio Emanuele ad Ascoli Piceno, grazie all’iniziativa “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” promossa dal Comune di Ascoli Piceno. Presentazione della scultura dell’artista Marco Lodola, donata dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi.

Nei giorni scorsi si sono conclusi i lavori di riqualificazione dell’area dei Giardini Pubblici di corso Vittorio Emanuele ad opera della Ditta Panichi, grazie all’iniziativa “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” promossa dal Comune di Ascoli Piceno.
L’intervento, realizzato della società ascolana, è iniziato già nello scorso mese di febbraio con l’assunzione di un giardiniere esperto nel proprio organico aziendale, che si occupa della manutenzione del verde e di custodire il parco nel corso dei prossimi tre anni, durata della convezione stipulata per la gestione dell’area. All’attività di manutenzione ordinaria, si è aggiunto il lavoro dell’Agronomo Agostino Agostini che ha preso in esame il sito ed ha suggerito le linee guida per la riqualificazione dello stesso, compatibilmente con le caratteristiche e le peculiarità storico-artistiche e botaniche del contesto, prevedendo ove necessario la ripiantumazione di alcune piante in sostituzione delle specie compromesse. Nel corso della riqualificazione sono stati sistemati tutti i vialetti interni all’area, le bordure delle aiuole e i muretti a secco di contenimento delle aiuole terrazzate, cui si aggiunge il ripristino del funzionamento della fontana nonché la pulitura del monumento dedicato al re Vittorio Emanuele II.
Il progetto di riqualificazione dell’area, inoltre, ha stimolato la Panichi anche nella realizzazione di una nuova brochure, una sorta di vademecum gratuito a disposizione dei visitatori, in cui sono riportate alcune notizie sulla storia e la botanica dei giardini, redatte da Elisa Mori e Agostino Agostini, sui protagonisti che li hanno realizzati (Giulio Gabrielli e Antonio Orsini) e sui monumenti scultorei ivi ubicati eseguiti da Nicola Cantalamessa Papotti e Marco Lodola.
I Giardini Pubblici, dunque, si arricchiscono, in questi giorni, di un’altra scultura, La Rosa del Progresso, opera del celebre artista Marco Lodola, grazie alla generosa donazione della Fondazione Elisabetta Sgarbi, in occasione del 22° Festival La Milanesiana, ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, ispirata all’immagine della rassegna (la rosa) pensata e creata dal cantautore e pittore Franco Battiato. Lodola ha progettato una scultura luminosa in metallo, delineando il profilo di una rosa, alta circa tre

metri, perfettamente in linea con la produzione lodoliana, riproponendo le tecniche che lo hanno reso iconico e celebre a livello nazionale e internazionale. La rosa dell’artista lombardo, quindi, fa il suo ingresso tra le pregevoli specie botaniche dei giardini, instaurando un silenzioso dialogo naturale-artificiale.
Il Sindaco Marco Fioravanti ha espresso la sua soddisfazione nel vedere realizzato il progetto di riqualificazione dei giardini grazie al lavoro della Panichi, così come è grato alla Fondazione Elisabetta Sgarbi per la fiducia che, di anno in anno, si rinnova nell’atteso appuntamento de La Milanesiana ad Ascoli Piceno e che in questa occasione vede lasciare, sul suolo cittadino, un segno tangibile del suo passaggio: La Rosa del Progresso.
Anche l’Assessore alla Cultura, Donatella Ferretti, non manca di sottolineare l’importanza di un cenacolo itinerante come quello de La Milanesiana, che definisce “laboratorio di eccellenza” in cui letteratura, cinema, musica, arte, scienza e filosofia dialogano attraverso i contributi dei più originali intellettuali del nostro tempo e che, grazie ad Elisabetta Sgarbi, per la sua 22° edizione, non manca di lasciare una pregevole installazione che riproduce la rosa, grande e luminosa, a simboleggiare un contributo culturale innovativo, acceso e pungente.
Lo stesso Stefano Panichi, Amministratore unico della società, ha sottolineato l’importanza di vedere restituita alla pubblica fruizione un’area così centrale per la città di Ascoli Piceno, che ci auguriamo possa essere teatro di attività culturali, sportive, ricreative, didattiche e di intrattenimento per la cittadinanza.

Completati ad Ascoli Piceno i lavori dei giardini pubblici di corso Vittorio Emanuele

Completati ad Ascoli Piceno i lavori dei giardini pubblici di corso Vittorio Emanuele

ASCOLI PICENO – Nei giorni scorsi si sono conclusi i lavori di riqualificazione dell’area dei Giardini Pubblici di corso Vittorio Emanuele ad opera della Ditta Panichi, grazie all’iniziativa “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” promossa dal comune di Ascoli Piceno.

L’intervento, realizzato della società ascolana, è iniziato già nello scorso mese di febbraio con l’assunzione di un giardiniere esperto nel proprio organico aziendale, che si occupa della manutenzione del verde e di custodire il parco nel corso dei prossimi tre anni, durata della convezione stipulata per la gestione dell’area. All’attività di manutenzione ordinaria, si è aggiunto il lavoro dell’agronomo Agostino Agostini che ha preso in esame il sito ed ha suggerito le linee guida per la riqualificazione dello stesso, compatibilmente con le caratteristiche e le peculiarità storico-artistiche e botaniche del contesto, prevedendo ove necessario la ripiantumazione di alcune piante in sostituzione delle specie compromesse. Nel corso della riqualificazione sono stati sistemati tutti i vialetti interni all’area, le bordure delle aiuole e i muretti a secco di contenimento delle aiuole terrazzate, cui si aggiunge il ripristino del funzionamento della fontana nonché la pulitura del monumento dedicato al re Vittorio Emanuele II.

Il progetto di riqualificazione dell’area, inoltre, ha stimolato la Panichi anche nella realizzazione di una nuova brochure, una sorta di vademecum gratuito a disposizione dei visitatori, in cui sono riportate alcune notizie sulla storia e la botanica dei giardini, redatte da Elisa Mori e Agostino Agostini, sui protagonisti che li hanno realizzati, Giulio Gabrielli e Antonio Orsini, e sui monumenti scultorei ivi ubicati eseguiti da Nicola Cantalamessa Papotti e Marco Lodola.

I Giardini Pubblici, dunque, si arricchiscono, in questi giorni, di un’altra scultura, La Rosa del Progresso, opera del celebre artista Marco Lodola, grazie alla generosa donazione della Fondazione Elisabetta Sgarbi, in occasione del 22° Festival La Milanesiana, ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, ispirata all’immagine della rassegna, la rosa, pensata e creata dal cantautore e pittore Franco Battiato. Lodola ha progettato una scultura luminosa in metallo, delineando il profilo di una rosa, alta circa tre metri, perfettamente in linea con la produzione lodoliana, riproponendo le tecniche che lo hanno reso iconico e celebre a livello nazionale e internazionale. La rosa dell’artista lombardo, quindi, fa il suo ingresso tra le pregevoli specie botaniche dei giardini, instaurando un silenzioso dialogo naturale-artificiale.

Il sindaco Marco Fioravanti ha espresso la sua soddisfazione nel vedere realizzato il progetto di riqualificazione dei giardini grazie al lavoro della Panichi, così come è grato alla Fondazione Elisabetta Sgarbi per la fiducia che, di anno in anno, si rinnova nell’atteso appuntamento de La Milanesiana ad Ascoli Piceno e che in questa occasione vede lasciare, sul suolo cittadino, un segno tangibile del suo passaggio: La Rosa del Progresso.

Anche l’assessore alla Cultura, Donatella Ferretti, non manca di sottolineare l’importanza di un cenacolo itinerante come quello de La Milanesiana, che definisce “laboratorio di eccellenza” in cui letteratura, cinema, musica, arte, scienza e filosofia dialogano attraverso i contributi dei più originali intellettuali del nostro tempo e che, grazie ad Elisabetta Sgarbi, per la sua 22^  edizione, non manca di lasciare una pregevole installazione che riproduce la rosa, grande e luminosa, a simboleggiare un contributo culturale innovativo, acceso e pungente.

Lo stesso Stefano Panichi, amministratore unico della società, ha sottolineato l’importanza di vedere restituita alla pubblica fruizione un’area così centrale per la città di Ascoli Piceno, che ci si augura possa essere teatro di attività culturali, sportive, ricreative, didattiche e di intrattenimento per la cittadinanza.

GIARDINI PUBBLICI DI CORSO VITTORIO EMANUELE | Presentazione del progetto di riqualificazione

GIARDINI PUBBLICI DI CORSO VITTORIO EMANUELE | Presentazione del progetto di riqualificazione

Presentazione del progetto di riqualificazione ad opera della Ditta Panichi dei Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele ad Ascoli Piceno, grazie all’iniziativa “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” promossa dal Comune di Ascoli Piceno.

Giovedì 22 aprile alle ore 12.00, presso la Sala De Carolis del Comune di Ascoli Piceno, è stato presentato il progetto di riqualificazione dei Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele, alla presenza del Sindaco Marco Fioravanti, dell’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Cardinelli, dell’Assessore alla Qualità della Vita Maria Luisa Volponi e dell’Amministratore Unico Stefano Panichi della Panichi Srl.

La Panichi Srl, infatti, avendo sede nel territorio ascolano ed operando nello stesso, ha subito raccolto l’appello dell’Amministrazione comunale con l’iniziativa “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” presentando un progetto di riqualificazione dell’area dei Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele al fine di restituire il sito alla pubblica fruizione.

L’intervento, ad opera della società ascolana, ha avuto inizio già nel mese di febbraio con l’assunzione di un esperto giardiniere nel proprio organico aziendale, che si occuperà della manutenzione del verde e custodirà il parco nel corso dei tre anni della durata della convezione stipulata per la gestione dell’area, a cui si aggiunge il lavoro dell’Agronomo Agostino Agostini che ha accuratamente preso in esame il sito ed ha suggerito le linee guida per la riqualificazione dello stesso, compatibilmente con le caratteristiche e le peculiarità storico-artistiche e botaniche del contesto. Si aggiungono, inoltre, la sistemazione di tutti i vialetti interni all’area, il ripristino del funzionamento della fontana nonché la pulitura del monumento dedicato al re Vittorio Emanuele II ivi collocato nel 1961.

Il Sindaco Marco Fioravanti ha espresso la sua soddisfazione nel vedere che molti privati cittadini hanno aderito all’invito ad “adottare” un monumento, un’aiuola, una rua o un’area verde, come nel caso della Panichi; dimostrazione dell’attaccamento della collettività alle bellezze storico-artistiche, architettoniche e paesaggistiche della città. Il plauso di tutta l’Amministrazione comunale va alla società ascolana e al suo Amministratore Unico Stefano Panichi per l’impegno e la dedizione dimostrata nei confronti del patrimonio del territorio.

Con il progetto di riqualificazione del sito, inoltre, l’Amministrazione comunale è lieta di annunciare che le associazioni del territorio potranno presentare formale istanza per eventuali e potenziali attività culturali, ricreative e/o didattiche da realizzare presso i Giardini di Corso Vittorio Emanuele; le richieste dovranno rispettare tutte le autorizzazioni e le norme previste.

Lo stesso Panichi ha sottolineato l’importanza, da parte della cittadinanza, di avere sempre più un ruolo attivo e partecipato alle iniziative del capoluogo ascolano; solo così sarà possibile dare il proprio contributo alla città anche in vista della prossima candidatura di Ascoli Piceno a Capitale italiana della Cultura 2024.

Conferenza stampa
Giovedì 22 aprile ore 12.00
Sala De Carolis – Comune Ascoli Piceno (Piazza Arringo, 7)

Scopri il video della Presentazione: Guarda il video

Panichi Adotta un giardino

Panichi Adotta un giardino

Si è tenuta  ieri mattina alle 10.00 negli uffici del comune di Ascoli Piceno la firma della convenzione che assegnerà all’Impresa edile Panichi la gestione del giardino ubicato tra Viale de Gasperi e Corso Vittorio Emanuele per i prossimi 3 anni.

Prende il nome di “Adotta un monumento, un’aiuola, un’area verde, una rua” il bando a cui l’azienda Ascolana ha risposto proponendo di occuparsi di una delle aree verdi più belle della nostra città, l’obiettivo? Restituire al territorio parte di quello che l’azienda sta ricevendo in termini di stima e crescita, tramite un luogo in grado di accogliere e comunicare.

Alla vigilia dell’assegnazione ufficiale Stefano Panichi anticipa alcuni dettagli sulle attività che verranno svolte nei prossimi anni; il ripristino della fontana, la manutenzione ordinaria, la riorganizzazione dei percorsi all’interno del parco, l’impegno nel rendere questo luogo, un luogo di aggregazione promuovendone attivamente l’utilizzo per eventi culturali e ludici!  Un luogo che ha l’obiettivo di aumentare il valore sociale della città, in grado di ospitare iniziative volte innanzitutto alla popolazione.

La giornata si è conclusa con l’accensione di uno degli alberi del parco addobbati per l’occasione. Un gesto simbolico che avverrà alla presenza del Sindaco Marco Fioravanti e di altri Assessori per dare avvio alla gestione di questo luogo da Parte di Panichi

SUPERBONUS 110% Parte oggi il Primo cantiere

SUPERBONUS 110% Parte oggi il Primo cantiere

Oggi la nostra impresa ha dato il via ad uno dei primi cantieri per il miglioramento energetico e sismico di un condominio sito in via Botticelli di San Benedetto del Tronto, finanziato totalmente con il superbonus 110% , l’agevolazione introdotta dal decreto rilancio.

La stessa azienda, sin dalle prime battute ha creduto fermamente nelle possibilità introdotte dal superbonus 110%, creando uno staff tecnico e amministrativo giovane e dinamico,  per seguire le complesse evoluzioni normative di questi scorsi mesi.

L’ edificio oggetto dell’ intervento riguarderà un condominio e  saranno realizzati miglioramenti, sia dal punto di vista energetico ( cappotto termico , sostituzione degli infissi, adeguamento degli impianti)  che dal punto di vista “sismico” ( interventi sugli elementi strutturali con le più avanzate tecniche di rinforzo ), che permetteranno il superamento delle due classi previste dalla norma.

Il tecnico che si è occupato della progettazione  è l’ing. Alberto Paradisi con la sua società, la Trend Project mentre il controllo amministrativo e fiscale è stato effettuato dai Commercialisti Dott. Aliffi e Dott. Sperandio.

 Complessivamente l’intervento sarà di circa un milione di euro e sarà completato entro il 30/06/2021.

Il credito d’ imposta derivante da questo tipo di intervento sarà assorbito tramite lo sconto in fattura direttamente dall’ impresa  e dai tecnici intervenuti, permettendo ai proprietari di non avere oneri a proprio carico.

Questo ristrutturazione assume un’ importanza particolare, che dimostra che i tempi sono maturi per approfittare di queste agevolazioni fiscali per riqualificare  le proprie abitazioni a costi vicini allo zero.

La stessa Panichi srl  sia direttamente che con il Consorzio Panichi&Strever di cui fa parte, è pronta a partire, appunto, con decine di interventi nelle prossime settimane.